Fare Blogging: Il Victorinox in forma di libro by Riccardo Esposito

Fare blogging: Il mio metodo per scrivere contenuti vincenti

Fare blogging: Il mio metodo per scrivere contenuti vincenti

Sono sicuro che chiunque di voi abbia avuto o possegga il famoso Victorinox, il coltellino multiuso nato e prodotto nel cantone svizzero di Svitto, uno strumento davvero eccezionale. La lettura del libro Fare Blogging di Riccardo Esposito (da questo momento in poi Riccardo), mi ha lasciato in mano e in mente proprio un bellissimo Victorinox, pieno di tutti quei numerosi strumenti utili per iniziare o approfondire la propria attività di blogging.

La struttura del libro

Il testo è suddiviso in due parti e scritto in modo da non risultare affatto noioso ma piacevolmente scorrevole. Nella prima parte del libro definita organizzazione, Riccardo (@RiccardoE) mette in risalto l’importanza del fatto che prima di arrivare alla scrittura è necessario organizzare la propria attività di blogging attraverso uno strumento (principale) ritenuto fondamentale e che prende il nome di piano editoriale.

Nella seconda parte, definita scrittura, Riccardo affronta un percorso fluido su di una linea retta dove ogni segmento contribuisce al raggiungimento della meta finale, ovvero, rendere il blogger capace di portare a se i passanti, facendo in modo che questi diventino i propri assidui lettori.

Sottolineerei il metodo efficace delle interviste (contestuali al contenuto trattato dal capitolo) a personaggi conosciuti che ruotano nell’intorno del blogging. Una delle interviste che ha risposto a parecchie mie domane è stata quella fatta a Ludovica De Luca (capitolo 10): Prendi il lettore per mano.

Cosa sono i comandamenti

I Comandamenti del Fare Blogging

I Comandamenti del Fare Blogging

L’inizio di ogni nuovo capitolo riassume lo stesso in pillole, che a parer mio possono essere assimilate in veri e propri comandamenti che come tali andrebbero fissati per bene nella nostra mente. Il primo dei comandamenti recita:

FARE BLOGGING VUOL DIRE CONDIVIDERE CONTENUTI INTERESSANTI PER UN PUBBLICO PRECISO, SENZA DIMENTICARE LO STILE PERSONALE E IL PROPRIO PUNTO DI VISTA

In media ci sono 4 comandamenti per capitolo per un totale di circa 52 che insieme potrebbero costituire un bignami del blogging.

Perché ho deciso di leggere

Correva l’anno 2009 quando ho scritto il primo post sul mio blog personale e ancora adesso non posso definirmi un blogger, sono solo l’autore degli articoli.

Il motivo che mi ha spinto ad aprire il blog è stato proprio quello definito nel primo comandamento che in qualche modo avevo già dentro. Per dirlo in termini “moderni”, la necessità di fare Knowledge Sharing insieme alla passione per gli argomenti che tratto sono il carburante che mi consente di scrivere.

Le

BASI SONO IMPORTANTI

questo è ciò che evidenzia Riccardo nella parte introduttiva del libro. Bene, i contenuti del mio blog ci sono e sentendo i miei lettori anche il livello qualitativo è buono, quello che manca è il resto delle conoscenze per completare la fase del fare blogging, ecco il motivo per il quale ho deciso di leggere il libro Fare Blogging di Riccardo.

Cosa avrei voluto trovare

Niente di più di quello già scritto. Non vi aspettavate sicuramente una risposta del genere ma è quella che al momento posso dare. Questo è il primo libro che tratta l’argomento sul blogging che leggo e non ho quindi altri termini di paragone.

Considero questo testo come una sorta di dispensa da rileggere ogni volta hai bisogno di un ripasso per risolvere qualche dubbio durante la propria attività di blogging.

0 Condivisioni

Antonio Musarra

I began my journey into the world of computing from an Olivetti M24 PC (http://it.wikipedia.org/wiki/Olivetti_M24) bought by my father for his work. Day after day, quickly taking control until … Now doing business consulting for projects in the enterprise application development using web-oriented technologies such as J2EE, Web Services, ESB, TIBCO, PHP.

Potrebbero interessarti anche...

Cos'è il progetto CIE/CNS Apache Docker - Developers Italia

In questo video https://youtu.be/TcAzn1POhsM introdurrò il progetto CIE/CNS Apache Docker di Developers Italia (https://developers.italia.it/it/cie/#resourcecontent-3) nato circa due anni fa.

L'obiettivo di questo progetto è quello di fornire un template pronto all'uso che realizza un sistema di autenticazione tramite la Smart Card TS-CNS (o CNS) e la CIE (Carta d'Identità Elettronica) basato su Apache HTTP. Ognuno può poi modificare o specializzare questo progetto sulla base delle proprie esigenze Si tratta di un progetto docker per la creazione di un container che implementa un sistema di mutua autenticazione o autenticazione bilaterale SSL/TLS.

Questo meccanismo di autenticazione richiede anche il certificato digitale da parte del client, certificato che in questo caso risiede all'interno della TS-CNS o della CIE. La particolarità del sistema implementato (attraverso questo container) è quella di consentire l'autenticazione tramite:

  • La TS-CNS (Tessera Sanitaria - Carta Nazionale Servizi), rilasciata dalla regione di appartenenza;
  • La CIE (Carta d'Identità Elettronica), rilasciata dal comune di residenza.

Nella versione 2.0.0 il progetto è stato aggiornato per essere uniforme alle linee guida di Bootstrap Italia. A seguire alcune risorse che possono essere utili.

  • Cos’è il progetto CIE/CNS Apache Docker (http://bit.ly/3aJ5Gbl)
  • CIE Carta d'Identità Elettronica (https://developers.italia.it/it/cie/)
  • Carta Nazionale dei Servizi (https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/carta-nazionale-servizi)
  • Raspberry Pi – Un esempio di applicazione della TS-CNS (https://bit.ly/3hkJ8Aj)
  • Pubblicare il servizio CIE/CNS Apache Docker su Azure Cloud (http://bit.ly/3aPoq8V)
  • Come accedere al portale VETINFO tramite TS-CNS e Mac OS (http://bit.ly/2VFMKq7)