SUSE Studio: Test drive di SugarCRM + PostgreSQL

SUSE StudioNei precedenti articoli pubblicati su questo blog, ho introdotto il progetto di supporto a PostgreSQL per il CRM Open Source SugarCRM (edizione Community Edition). Per consentire la verifica veloce della “bontà” del supporto, ho ritenuto utile costruire una macchina virtuale ad hoc pronta all’uso, insomma, da Start and Go.

L’ultima versione della macchina virtuale (realizzata con l’ambiente SUSE Studio) e pubblicata all’indirizzo SugarCRM CE 6.5 PostgreSQL, ha le seguenti caratteristiche:

  • Sistema Operativo: Open Suse 12.1 x86 64bit
  • RDBMS: PostgreSQL 9.1
  • Web Server: Apache 2.2.21
  • PHP: 5.3.8

Questa versione della macchina dispone della release 6.5 di SugarCRM, versione proveniente dal repository SugarCRM Dev PostgreSQL e installata all’interno della directory /srv/www/htdocs/sugarcrm.

Lo Start and Go è possibile eseguendo il Test Drive della macchina virtuale direttamente dal proprio browser. Per avviare il test drive basta puntare a http://susestudio.com/a/2Vav5p/sugarcrm-ce-6-5-postgresql e cliccare su test drive. L’accesso al test drive richiede un account su Suse Studio, ma niente di più semplice, basta che abbiate un account attivo su uno di questi provider:

  • Google
  • Facebook
  • Twitter
  • OpenID
  • Yahoo

Una volta avviato il test drive, quindi la macchina virtuale, è necessario abilitare il Network della macchina in modo tale da iniziare l’installazione di SugarCRM dal vostro browser. Nelle figure a seguire sono mostrate le fasi di avvio.

Figura 1 - Boot della macchina virtuale

Figura 1 – Boot della macchina virtuale

L’avvio è stato configurato per il login automatico tramite l’utente sugarcrm (vedi Figura 2). Avviata la macchina, l’abilitazione del Network è un gioco da ragazzi, spostarsi sul tab Networking e successivamente agire sul pulsante Enable networking (vedi Figura 3).

L’attivazione del networking consente di raggiungere la macchina tramite la rete internet sfruttando i più comuni protocolli, quello di nostro interesse, per iniziare l’installazione di SugarCRM, è il protocollo HTTP.

Abilitato il networking, può iniziare l’installazione di SugarCRM puntando all’indirizzo web indicato sulla pagina networking (vedi Figura 3), ricordando di aggiungere all’URL sugarcrm, per esempio: http://node77.susestudio.com:18080/sugarcrm

A seguire sono indicate una serie di figure (da 4 a 11) che mostrano alcuni degli step d’installazione e accesso a SugarCRM. I principali parametri di configurazione da utilizzare sono i seguenti:

  • Data base name: sugarcrm (valore di default)
  • Host Name: 127.0.0.1
  • Data base Administrator User name: postgres
  • Data base Administrator Password: postgres

Nel caso in cui decidiate di scegliere la creazione dell’utente per l’accesso al db, la password da specificare è undefined. Il motivo di questa strana password è dovuto a un bug sulla validazione dei dati della form.

Figura 2 - Macchina virtuale avviata

Figura 2 – Macchina virtuale avviata

Figura 3 - Abilitazione Network

Figura 3 – Abilitazione Network

Figura 4 - Welcome Page

Figura 4 – Welcome Page

Figura 5 - Pronti all'avvio

Figura 5 – Pronti all’avvio

Figura 6 - Tipo d'installazione

Figura 6 – Tipo d’installazione

Figura 7 - Selezione del driver PostgreSQL

Figura 7 – Selezione del driver PostgreSQL

Figura 8 - Configurazione parametri d'installazione

Figura 8 – Configurazione parametri d’installazione

Figura 8 - Impostazione della password di ammistrazione

Figura 8 – Impostazione della password di ammistrazione

Figura 9 - Riepilogo della configurazione

Figura 9 – Riepilogo della configurazione

Figura 10 - Riepilogo dell'installazione

Figura 10 – Riepilogo dell’installazione

Figura 11 - Accesso a SugarCRM

Figura 11 – Accesso a SugarCRM

Buon Start and Go.

Related articles
0 Condivisioni

Antonio Musarra

I began my journey into the world of computing from an Olivetti M24 PC (http://it.wikipedia.org/wiki/Olivetti_M24) bought by my father for his work. Day after day, quickly taking control until … Now doing business consulting for projects in the enterprise application development using web-oriented technologies such as J2EE, Web Services, ESB, TIBCO, PHP.

Potrebbero interessarti anche...

Cos'è il progetto CIE/CNS Apache Docker - Developers Italia

In questo video https://youtu.be/TcAzn1POhsM introdurrò il progetto CIE/CNS Apache Docker di Developers Italia (https://developers.italia.it/it/cie/#resourcecontent-3) nato circa due anni fa.

L'obiettivo di questo progetto è quello di fornire un template pronto all'uso che realizza un sistema di autenticazione tramite la Smart Card TS-CNS (o CNS) e la CIE (Carta d'Identità Elettronica) basato su Apache HTTP. Ognuno può poi modificare o specializzare questo progetto sulla base delle proprie esigenze Si tratta di un progetto docker per la creazione di un container che implementa un sistema di mutua autenticazione o autenticazione bilaterale SSL/TLS.

Questo meccanismo di autenticazione richiede anche il certificato digitale da parte del client, certificato che in questo caso risiede all'interno della TS-CNS o della CIE. La particolarità del sistema implementato (attraverso questo container) è quella di consentire l'autenticazione tramite:

  • La TS-CNS (Tessera Sanitaria - Carta Nazionale Servizi), rilasciata dalla regione di appartenenza;
  • La CIE (Carta d'Identità Elettronica), rilasciata dal comune di residenza.

Nella versione 2.0.0 il progetto è stato aggiornato per essere uniforme alle linee guida di Bootstrap Italia. A seguire alcune risorse che possono essere utili.

  • Cos’è il progetto CIE/CNS Apache Docker (http://bit.ly/3aJ5Gbl)
  • CIE Carta d'Identità Elettronica (https://developers.italia.it/it/cie/)
  • Carta Nazionale dei Servizi (https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/carta-nazionale-servizi)
  • Raspberry Pi – Un esempio di applicazione della TS-CNS (https://bit.ly/3hkJ8Aj)
  • Pubblicare il servizio CIE/CNS Apache Docker su Azure Cloud (http://bit.ly/3aPoq8V)
  • Come accedere al portale VETINFO tramite TS-CNS e Mac OS (http://bit.ly/2VFMKq7)