Importing Virtual Machine Disk (VMDK) on VirtualBox

  • Figura 13 Step 13 Creazione nuova macchina virtuale.
    Figura 13 Step 13 Creazione nuova macchina virtuale.
  • Figura 12 Step 12 Creazione nuova macchina virtuale.
    Figura 12 Step 12 Creazione nuova macchina virtuale.

In questo breve articolo vedremo come impostare una Virtual Machine utilizzando VirtualBox[1]partendo da un disco virtuale in formato VMDK[2]. Ipotizziamo che il disco VMDK sia già stato preparato con un sistema operativo funzionante. Il disco utilizzato come esempio per quest’articolo è stato preparato tramite l’ambiente SUSE Studio, contiene una distribuzione openSUSE 11.3 64bit con installati strumenti di sviluppo per ambienti Java. La versione di VirtualBox di riferimento è la 4.0 per Mac OS X.

La procedura d’importazione è molto semplice ed eseguita interamente attraverso la GUI di VirtualBox, i passi da seguire sono:

  • Avvio procedura di creazione nuova macchina virtuale;
  • Assegnazione del nome alla macchina virtuale;
  • Selezione del tipo e versione sistema operativo;
  • Impostazione della memoria ram di base;
  • Impostazione sullo storage.

Per il nostro scopo, la macchina virtuale deve essere inizialmente creata senza alcuno storage perché assegnato in seguito. A seguire sono illustrati tutti i passi da compiere per portare a termine la creazione di una macchina virtuale da un disco VMDK.

Il file VMDK utilizzato come esempio per questo articolo non è attualmente reperibile sulla rete, è comunque disponibile sulla rete una Virtual Appliance creata qualche mese addietro per l’ambiente di sviluppo WSO2 WSF/PHP, è possibile scaricare l’immagine VMDK all’indirizzo http://susegallery.com/a/2Vav5p/wso2-wsfphp-linux-virtual-appliance.

Figura 1 Step 1 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 1 Step 1 Creazione nuova macchina virtuale.

Dal menù Macchina->Nuova si avvia la procedura di creazione per una nuova macchina virtuale.

Figura 2 Step 2 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 2 Step 2 Creazione nuova macchina virtuale.

Assegnazione del nome, selezione del sistema operativo e versione della nuova macchina virtuale.

Figura 3 Step 3 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 3 Step 3 Creazione nuova macchina virtuale.

Memoria RAM da dedicare alla macchina virtuale. Il valore dovrebbe essere scelto sulla base delle risorse richieste dalle applicazioni installate o che andranno installate sulla macchina virtuale.

Figura 4 Step 4 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 4 Step 4 Creazione nuova macchina virtuale.

Non deve essere creato nessun disco fisso di avvio perché sarà assegnato in seguito. Andando avanti, VirtualBox avverte che non è stato selezionato alcun disco avvio, ignoriamo l’avviso procedendo comunque.

Figura 5 Step 5 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 5 Step 5 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 6 Step 6 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 6 Step 6 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 7 Step 7 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 7 Step 7 Creazione nuova macchina virtuale.

La macchina virtuale appena creata appare tra la lista delle macchine virtuali configurate.

Figura 8 Step 8 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 8 Step 8 Creazione nuova macchina virtuale.

A questo punto occorre aggiungere il disco VMDK alla macchina virtuale. Aprire la finestra delle impostazioni della macchina virtuale e collocarsi alla sezione “Archiviazione”. Selezionare il “Controller SATA” e cliccare sul pulsante evidenziato per aggiungere il disco VMDK.

Figura 9 Step 9 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 9 Step 9 Creazione nuova macchina virtuale.

Alla richiesta di aggiunta del nuovo disco scegliere la voce “Scegli un disco esistente”. Selezionare il file VMDK da utilizzare come disco di avvio della macchina virtuale.

Figura 10 Step 10 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 10 Step 10 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 11 Step 11 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 11 Step 11 Creazione nuova macchina virtuale.

Informazioni sul disco VMDK impostato come disco di avvio per la macchina virtuale.

Figura 12 Step 12 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 12 Step 12 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 13 Step 13 Creazione nuova macchina virtuale.

Figura 13 Step 13 Creazione nuova macchina virtuale.


[1] VirtualBox è un software di virtualizzazione commerciale proprietario (con una versione ridotta distribuita secondo i termini della GNU General Public License) per architettura x86 che supporta Windows, GNU/Linux e Mac OS X (beta) come sistemi operativi host, ed è in grado di eseguire Windows, GNU/Linux, OS/2 Warp, OpenBSD e FreeBSD come sistemi operativi guest.

[2] VMDK (Virtual Machine Disk) è un formato di file utilizzato da prodotti VMware. Con questo formato viene descritto e documentato l’ambiente operativo della macchina virtuale e le modalità con le quali è memorizzato.

Antonio Musarra

I began my journey into the world of computing from an Olivetti M24 PC (http://it.wikipedia.org/wiki/Olivetti_M24) bought by my father for his work. Day after day, quickly taking control until … Now doing business consulting for projects in the enterprise application development using web-oriented technologies such as J2EE, Web Services, ESB, TIBCO, PHP.

You may also like...

Cos'è il progetto CIE/CNS Apache Docker - Developers Italia

In questo video https://youtu.be/TcAzn1POhsM introdurrò il progetto CIE/CNS Apache Docker di Developers Italia (https://developers.italia.it/it/cie/#resourcecontent-3) nato circa due anni fa.

L'obiettivo di questo progetto è quello di fornire un template pronto all'uso che realizza un sistema di autenticazione tramite la Smart Card TS-CNS (o CNS) e la CIE (Carta d'Identità Elettronica) basato su Apache HTTP. Ognuno può poi modificare o specializzare questo progetto sulla base delle proprie esigenze Si tratta di un progetto docker per la creazione di un container che implementa un sistema di mutua autenticazione o autenticazione bilaterale SSL/TLS.

Questo meccanismo di autenticazione richiede anche il certificato digitale da parte del client, certificato che in questo caso risiede all'interno della TS-CNS o della CIE. La particolarità del sistema implementato (attraverso questo container) è quella di consentire l'autenticazione tramite:

  • La TS-CNS (Tessera Sanitaria - Carta Nazionale Servizi), rilasciata dalla regione di appartenenza;
  • La CIE (Carta d'Identità Elettronica), rilasciata dal comune di residenza.

Nella versione 2.0.0 il progetto è stato aggiornato per essere uniforme alle linee guida di Bootstrap Italia. A seguire alcune risorse che possono essere utili.

  • Cos’è il progetto CIE/CNS Apache Docker (http://bit.ly/3aJ5Gbl)
  • CIE Carta d'Identità Elettronica (https://developers.italia.it/it/cie/)
  • Carta Nazionale dei Servizi (https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/carta-nazionale-servizi)
  • Raspberry Pi – Un esempio di applicazione della TS-CNS (https://bit.ly/3hkJ8Aj)
  • Pubblicare il servizio CIE/CNS Apache Docker su Azure Cloud (http://bit.ly/3aPoq8V)
  • Come accedere al portale VETINFO tramite TS-CNS e Mac OS (http://bit.ly/2VFMKq7)