(Italiano) QR Code, Corona Virus e Rigatoni alla Norma. Qual è la relazione?

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Le prescrizioni finalizzate al contenimento del contagio da Corona Virus stanno modificando le abitudini della nostra vita personale e lavorativa, ne sa qualcosa mia sorella che insieme al compagno ha un’attività di ristorazione.

In quest’ ambito è richiesto di revisionare radicalmente il rapporto con il cliente a partire dal menù che potrà essere cartaceo monouso oppure digitale ed è qui che entro in gioco io.

L’idea è quella di dare al cliente la possibilità di sfogliare il menù in formato digitale, direttamente dal suo dispositivo, smartphone o tablet.

La soluzione per consentire ai clienti della Protosteria – Spirito Siciliano di visionare il menù in completa sicurezza, consiste nell’esporre all’ingresso del locale, il QR Code, che una volta inquadro e scansionato tramite smartphone o tablet, permetterà di prendere visione del menù. Semplice, no?

Il QR Code è evoluto rispetto al codice barre, perché in grado di contenere maggiori informazioni, sono nati per una decodifica veloce: tutti i più recenti smartphone e tablet possono facilmente sfruttare la loro funzione di scansione attraverso l’app Fotocamera o con applicazioni di terze parti.

Ma come possiamo implementare questa soluzione? Niente di più semplice. A seguire mostro la mia proposta, step-by-step.

  • Realizzate il menù in formato digitale, possibilmente in formato verticale per una maggiore leggibilità su dispositivi come smartphone;
  • Esportate il vostro menù in formato PDF;
  • Eseguite l’upload del PDF sul vostro Google Drive;
  • Ottenete il link (o URL) di condivisione del file PDF del menù appena caricato;
  • Utilizzate il servizio online UnitagQR per generare il QR Code partendo dal link di condivisione del menù;
  • Stampate il QR Code ottenuto per esporlo in vista all’ingresso del locale.

Le due figure a seguire mostrano come ottenere il link condivisibile del file del menù. Ricordo che questo link deve essere conservato per lo step successivo, ovvero, la generazione del QR Code.

 

Condivisione file PDF del menù

Condivisione file PDF del menù

 

Ottenimento del link al file PDF del menù

Ottenimento del link al file PDF del menù

Una volta ottenuto il link condivisibile, occorre andare sul sito di UnitagQR per generare il QR Code. L’uso del sito è davvero molto semplice. La figura a seguire mostra gli step necessari per ottenere il QR Code.

  1. Inserire il link condivisibile;
  2. Apportare le proprie personalizzazioni sul QR Code. In questo caso ho inserito il logo e dato un pochino di colore;
  3. Download del QR Code.

La particolarità di questo servizio online di generazione QR Code, è quella di generare tre diversi file:

  • Thumbnail_horizontal_QRC
  • Thumbnail_vertical_QRC
  • Unitag_QRCode

È possibile per esempio utilizzare i file di thumbnail per stamparli è metterli a disposizione del cliente presso l’ingresso del locale. Il sito avverte che potrebbero esserci dei problemi di scansione, per questo consiglia di fare un test di scansione prima di distribuire lo stesso. Personalmente ho fatto un test con un iPhone X e Huawei P10 Lite senza riscontrare nessun problema.

 

Generazione del QR Code per scaricare il menù

Generazione del QR Code per scaricare il menù

La figura a seguire mostra la thumbnail in orizzontale contenuta nel file zip scaricato dal sito.

 

QR Code del menù pronto per essere messo a disposizione del cliente all'ingresso del locale

QR Code del menù pronto per essere messo a disposizione del cliente all’ingresso del locale

In questa soluzione ho utilizzato Google Drive come servizio di storage per il file del menù, ovviamente, ognuno di voi può utilizzare quello più congeniale alla proprie esigenze.

Per quanto riguarda il QR Code esistono tanti servizi online (free e non) e software da utilizzare sul proprio PC per ogni tipo di esigenza.

Questo è un tipo di post insolito per i temi trattati sul mio blog, però ho voluto fare uno strappo alla regola per dare una soluzione semplice e immediata da applicare. Spero che i contenuti siano stati utili.

Antonio Musarra

I began my journey into the world of computing from an Olivetti M24 PC (http://it.wikipedia.org/wiki/Olivetti_M24) bought by my father for his work. Day after day, quickly taking control until … Now doing business consulting for projects in the enterprise application development using web-oriented technologies such as J2EE, Web Services, ESB, TIBCO, PHP.

You may also like...

TIBCO JasperReports Server & JBoss EAP 7.2Come installare Liferay 7.2 GA2 su WildFly 16 + Oracle Database 19c

In questo video tutorial vi mostrerò come installare step-by-step TIBCO Jasper Reports Server 7.5 Community Edition su RedHat JBoss EAP 7.2, utilizzando CentOS 8.1 come sistema operativo e PostgreSQL come database server.

Vedremo come affrontare l'installazione di Jasper Reports Server senza l'ausilio dell'installer; questa è l'opzione solitamente adottata in ambiti enterprise. I punti salienti di questo tutorial sono:

  • Quali sono i requisiti software
  • Quali sono i requisiti hardware
  • Download del software
  • Layout d’installazione
  • Installazione di OpenJDK 11
  • Installazione di PostgreSQL 10
  • Installazione di JBoss EAP 7.2.0
  • Configurazione & Installazione di Jasper Reports Server
  • Configurazione di JBoss EAP 7.2.0
  • Start di Jasper Reports Server